Pratica ENEA: quale il costo?

Preventivi Gratuiti per una Pratica ENEA

> È Gratis
> Risparmi tempo e denaro
> Trovi la migliore azienda ✔

Il costo di una pratica ENEA dipende dall'onorario del tecnico.

Le agevolazioni fiscali per le ristrutturazione edilizia rappresentano una sicura occasione di risparmio. Tuttavia, impone l’espletamento di alcuni oneri burocratici caratterizzati da una certa complessità. Tra questi spicca la pratica ENEA. Ecco in che cosa consiste, come si effettua e quanto costa.


 

Pratica ENEA: cos’è?

 

La pratica ENEA è una comunicazione che alcuni soggetti devono inoltrare all’ENEA, Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie di energia, sviluppo ed economia sostenibile. Nello specifico, deve essere inoltrata dai proprietari di immobili o dai condomini che hanno commissionato interventi di ristrutturazione edilizia o per il risparmio energetico, conclusisi entro il 31 dicembre 2018 e per i quali è stato richiesta l’agevolazione fiscale.

L’ENEA, infatti, tra le altre cose, è l’ente deputato al controllo e alla gestione delle agevolazioni fiscali, le quali rappresentano un istituto complesso, nonché in grado di concretizzare un risparmio ingente per il cittadino e un aggravio significativo per lo Stato.

In realtà, la pratica ENEA, per adesso, può essere inoltrata solo nel caso in cui siano stati commissionati e realizzati lavori finalizzati al risparmio energetico, per i quali - è bene specificarlo - è stata richiesta l’agevolazione (che nella fattispecie prende il nome di “Ecobonus”). Per l’altra tipologia di interventi virtualmente coperti, ossia le ristrutturazioni edilizie semplici, non sono stati varati i decreti attuativi.

 

Costo pratica ENEA: prezzi medi
     
  Da A
Costo Pratica ENEA (compilazione e asseverazione) 80,00 € 180,00 €
Costo asseverazione per pratica ENEA 35,00 € 70,00 €

 

 

 

Pratica ENEA: quando serve?

 

Allo stato attuale, la pratica ENEA deve essere inoltrata se si verificano tutte e tre le condizioni che seguono.

 

  • Appartenenza dell’intervento edilizio oggetto della pratica alla categoria “risparmio energetico”.

 

  • Richiesta, da parte del proprietario dell’immobile oggetto dei lavori, o dell’assemblea condominiale nel caso di interventi aventi per oggetto un condominio, delle agevolazioni fiscali comunemente note come “Ecobonus”.

 

  • Come già specificato, stando alla legge la pratica ENEA va richiesta anche qualora gli interventi facessero parte della categoria “ristrutturazione edilizia”, dunque anche in assenza di una qualsiasi modificazione dei parametri di efficienza energetica. Tale obbligo, però, è attualmente inapplicabile in quanto mancano i decreti attuativi.

 

 

Pratica ENEA: la normativa

 

La necessità della pratica ENEA deriva dalla possibilità, per il proprietario dell’immobile, di richiedere le agevolazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione. Se questi modificano anche i parametri di efficienza energetica, determinando un aumento della classe, si ha diritto a una detrazione IRPEF del 65% (percentuale che può salire all’85% se gli interventi hanno per oggetto un condomino).

Se gli interventi non modificano nulla dal punto di vista dell’efficienza energetica, la detrazione è del 50%. Alla luce della complessità dell’istituto agevolativo e del peso economico che esso genera (positivo per il contribuente, negativo per lo Stato), il legislatore ha voluto imporre l’obbligo di comunicare a un ente specifico, l’ENEA in questo caso, tutte le informazioni necessarie a una verifica individuale del possesso dei requisiti per godere dell’agevolazione.

Come funziona la pratica ENEA, ovvero la comunicazione delle informazioni relative agli interventi? La normativa stabilisce che:

 

  • La comunicazione deve essere compilata e inoltrata via internet, mediante la piattaforma predisposta dall’ENEA.

 

  • La comunicazione deve essere inoltrata entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.

 

  • La ricevuta che si ottiene dopo aver inoltrato rientra tra i documenti necessari per usufruire dell’agevolazione.

 

  • La comunicazione può essere rettificata entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi del periodo di imposta corrispondente alla data di conclusione dei lavori.

 

  • In caso di mancato inoltro della comunicazione oltre i termini previsti, tale illecito può essere sanato, previo pagamento di una apposita sanzione.

 

La pratica ENEA va realizzata, nello specifico, se si chiedono le agevolazioni fiscali per i seguenti interventi:

 

  • Ristrutturazione edilizia semplice, detrazione IRPEF 50% (decreti attuativi mancanti): interventi inerenti alla categoria “manutenzione straordinaria”, senza modifica della classe energetica.

 

  • Ristrutturazione edilizia finalizzata al risparmio energetico, detrazione IRPEF 65%: installazione di pompe di calore, scaldacqua a PDC, collettori solari, generatori ibridi, microgeneratori; coibentazione; realizzazione di sistemi di building automation.

 

  • Ristrutturazione edilizia su condomini, finalizzata al risparmio energetico, detrazione IRPEF 70-85%: coibentazione, riduzione del rischio sismico.

 

 

Pratica ENEA: a chi rivolgersi?

 

Ovviamente, come per tutti gli oneri puramente burocratici e che riguardano la dichiarazione fiscale, è possibile fare da sé, fermo restando che l’asseverazione deve essere sempre redatta da un tecnico.

Ad ogni modo, fare da sé è una scelta molto pericolosa. Tutto ciò per un semplice motivo: è complessa, quindi è molto probabile sbagliare, e dunque incappare in sanzioni.

Dunque, il consiglio è di rivolgersi agli esperti. Le alternative sono due: le imprese edili e gli studi tecnici. Alcune imprese edili, infatti, offrono un servizio a trecentosessanta gradi, che coinvolge anche l’aspetto burocratico, di cui sicuramente fa parte la pratica ENEA.

Il servizio, a prescindere da chi lo eroga (imprese edili o studi tecnici, appunto), consiste nella compilazione del documento e nella sua consegna al richiedente in formato Pdf, pronto per essere inoltrato.

 

 

Pratica ENEA: quali i prezzi

 

La pratica ENEA a dire il vero non costa molto. Si parla di un centinaio di euro, massimo due.

 

  • Pratica ENEA (compilazione e asseverazione): da 80,00 € a 180,00 €.
  • Asseverazione per pratica ENEA: da 35,00 € a 70,00 €.

 

 

Pratica ENEA: come risparmiare

 

Come abbiamo visto, i prezzi per la pratica ENEA non sono molti alti e nemmeno granché variabili. Tuttavia, è possibile comunque risparmiare.

Il segreto, in questo caso come in tutti gli altri, consiste nel preventivo. Chiedete il preventivo per la pratica ENEA a più soggetti e, una volta raccolti tre o quattro, confrontateli. Infine, individuate l’offerta meno costosa. Fermo restando che, ovviamente, i soggetti contattati devono essere competenti e autorevoli.

 

 



Come funziona il servizio per confrontare preventivi gratuiti:

Chiedi un preventivo gratuito

Descrivi di cosa hai bisogno in meno di un minuto

Ricevi subito le offerte

Riceverai a tua scelta e velocemente fino ad un massimo di 4 preventivi gratuiti, senza impegno e da aziende della tua zona. Ricordati sempre che noi di Edilnet siamo attentissimi alla protezione dei tuoi dati, infatti saranno visibili solo alle aziende interessate che decideranno di proporti la loro offerta.

Valuta l'affidabilità e confronta i preventivi

Leggi le recensioni degli altri utenti, le referenze lasciate ai professionisti iscritti al portale, una volta fatta la tua richiesta e ricevuti i preventivi, potrai anche tu valutare i preventivi e la professionalita' ricevuta.

Fai una scelta consapevole risparmiando tempo e denaro

Potrai scegliere consapevolmente a chi affidarti se lo vorrai grazie ai feedback e grazie alle recensioni

Risparmi tempo perché saranno le aziende a contattarti

Risparmi denaro perché le aziende saranno in concorrenza fra loro

Leggi le altre domande

Ecco i nostri consigli su come scegliere un professionista

Ultime richieste dai clienti

Devo togliere la vasca e fare un box doccia per il mio bagno a Monopoli.

Rivestimento divano angolare (3 posti e penisola) in microfibra/cotone, circa 3 MQ. Ci sarebbero da rivestire anche 4 cuscini di dimensioni diverse uniti allo schienale tramite fogli di feltro. Grazie.

Devo fare 100 m quadri di cartongesso un appartamento a cantoni in più il controsoffitto.

Abbattimento n°2 pini con la chioma per la maggior parte gia caduta in seguito alla bufera di qualche anno fa. Si trovano ad Oste di Montemurlo. Vialetto nel giardino che permette accesso di 2 auto (no larghezza superiore ad auto). Uno dei due pini è vicino alla strada quindi è da valutare il miglior modo di tagliarlo. La richiesta al comune per i permessi era stata fatta molti anni or sono qua