Sanatoria edilizia: quanto costa?

Preventivi Gratuiti per una Sanatoria Edilizia

> È Gratis
> Risparmi tempo e denaro
> Trovi la migliore azienda ✔

Il costo di una sanatoria edilizia dipende da molteplici fattori.

La sanatoria edilizia è un argomento molto delicato, che deve essere maneggiato dai professionisti. Il semplice contribuente, però, è chiamato a conoscerne come minimo i contorni, soprattutto per ciò che riguarda i costi, i quali riguardano sia le sanzioni che la parcella del tecnico. Ecco una panoramica esaustiva ma approfondita.


 

Sanatoria edilizia: cosa è

 

Con il termine sanatoria edilizia si intende un atto amministrativo per mezzo del quale vengono cancellate le sanzioni per un comportamento illecito posto in essere da un cittadino in materia edilizia. Nella pratica, si richiede la sanatoria edilizia quando si è realizzata una modifica a un immobile senza aver richiesto e ottenuto il relativo titolo abilitativo.

La sanatoria non va confusa con il condono. Quest’ultimo, infatti, è una sanatoria che coinvolge un abuso edilizio, ossia un atto che considera regolare un intervento che viola la normativa del Piano Regolatore (es. in materia antisismica).

Le sanatorie, quindi, riguardano interventi rispettosi della normativa ma privi di titolo abilitativo. Il condono riguarda invece interventi illegittimi alla base, che lo sarebbero stati anche qualora fosse stato richiesto (e certamente rifiutato) il titolo abilitativo.

I condoni, poi, rappresentano una misura eccezionale, per sanare interventi altrimenti insanabili; mentre la sanatoria può essere sempre richiesta.

 

Costo sanatoria edilizia: prezzi di riferimento
 
  Da
A
Parcella geometra per sanatoria edilizia 600,00 € 1.400,00 €
 
  A partire da
Sanatoria edilizia, con richiesta di CILA in corso d’opera 333,33 €
Sanatoria edilizia, con richiesta di SCIA in corso d’opera 516,00 €
Sanatoria edilizia, con richiesta di CILA a lavori ultimati 1.000,00 €
Sanatoria edilizia, con richiesta di SCIA a lavori ultimati 1.000,00 €

 

 

Sanatoria edilizia: quando deve essere presentata

 

Lo scopo di presentare la sanatoria edilizia è quello di evitare le sanzioni. In buona sostanza, il cittadino che ha commesso l’abuso (che, ricordiamolo, non deve violare le normative previste dal Piano Regolatore) si autocostituisce in modo da non incappare nella punizione stabilita dall’ordinamento.

Quando presentare la richiesta di sanatoria edilizia? In realtà, ogni momento è buono. Anzi, è meglio farlo il prima possibile. In genere, comunque, le alternative sono due: o presentarla in corso d’opera, o a lavori ultimati.

Nel primo caso, il prezzo da pagare, in qualità di ammenda, è molto più basso. Ovviamente, non si può richiedere la sanatoria quando ormai la sanzione è stata emessa. In realtà, è possibile chiedere la sanatoria anche una volta che si è stati “scoperti”, ma entro e non oltre i 90 giorni dall’accertamento dell’illecito.

Per quanto riguarda invece i tempi di accettazione, essi corrispondono a 60 giorni. Va ricordato, però, che nella fattispecie vige la regola del silenzio-dissenso. Se l’amministrazione non risponde entro il termine dei 60 giorni, la richiesta va considerata come rigettata. Ovviamente, al contribuente è garantito il diritto di fare ricorso.

 

 

Sanatoria edilizia: quali i prezzi?

 

Per quanto riguarda i prezzi, vanno considerate due categorie di voci di spesa: quelle relative alla sanzione, che sono sempre presenti e dipendono dalla tempestività della presentazione della domanda, nonché dal titolo abilitativo mancante; e la parcella del tecnico. Esatto: per richiedere la sanatoria edilizia è necessario il contributo di un tecnico, come minimo per accertare l’entità dell’intervento edilizio (e la sua aderenza al Piano Regolatore).

Fatte queste precisazioni, possiamo procedere con una panoramica.

 

  • Sanatoria edilizia, con richiesta di CILA in corso d’opera: 333,33 €.
  • Sanatoria edilizia, con richiesta di SCIA in corso d’opera: da 516,00 € in su.
  • Sanatoria edilizia, con richiesta di CILA a lavori ultimati: 1.000,00 €.
  • Sanatoria edilizia, con richiesta di SCIA a lavori ultimati: da 1.000,00 € in su.
  • Parcella del tecnico: da 600,00 € a 1.400,00 €.

 

 

Sanatoria edilizia: a chi rivolgersi

 

La questione della sanatoria edilizia è piuttosto complicata, sia dal punto di vista formale che sostanziale. Affinché vada tutto bene, è necessario rispettare obblighi burocratici e amministrativi, i quali sono di difficile comprensione per il cittadino comune. Per questo, è sempre bene affidarsi a un professionista qualificato.

Anche perché, nella totalità dei casi, è necessaria una relazione di un tecnico. Essa è necessaria come minimo per dare all’amministrazione contezza dell’abuso, e dimostrare la sua conformità alla normativa (altrimenti si sfocerebbe nel condono, che è una misura straordinaria).

Dunque, se intendete richiedere una sanatoria edilizia, dovete fare necessariamente affidamento a un tecnico abilitato. Potete liberamente scegliere tra un geometra, un architetto o un ingegnere, a patto che (ovviamente) sia dotato di relativa abilitazione.

 

 

Sanatoria edilizia: come presentare domanda

 

La sanatoria edilizia può essere richiesta da due soggetti: dal proprietario dell’immobile e dal responsabile dell’abuso. Ovviamente, le due figure possono coincidere.

La domanda va presentata all’ufficio comunale competente o quando l’abuso è in corso d’opera o a lavori ultimati o, addirittura, una volta che sia stato accertato l’illecito dall’amministrazione, purché non siano trascorsi 90 giorni e non sia stato in ogni caso emessa la relativa sanzione.

Una precisazione importante: affinché la domanda venga accolta, l’intervento deve possedere il requisito della doppia conformità: deve essere conforme al Piano Regolatore in vigore al momento dell’intervento; deve essere conforme al Piano Regolatore in vigore al momento della richiesta di sanatoria.

 

 

Sanatoria edilizia: le sanzioni per la mancata presentazione

 

Di norma, è sempre bene evitare di fare lavori in casa senza il necessario titolo abilitativo. Se tuttavia avete commesso questo errore, a prescindere dalla cattiva o dalle buona fede (es. pensavate che l’intervento afferisse all’edilizia libera), il consiglio è quello di correre immediatamente ai ripari, richiedendo la sanatoria edilizia. Anche perché le sanzioni in caso di mancata presentazione sono molto salate.

 

  • Se l’intervento è in difformità con il piano regolatore, è previsto l’arresto fino a due anni e l’ammenda tra i 164,00 € e i 51.645,00 €.
  • Se invece l’intervento non si caratterizza per la difformità, l’ammenda è fino ai 329,00 €.

 

 

Sanatoria edilizia: come risparmiare

 

Se le ammende, le sanzioni e gli oneri vari sono fissi, o comunque completamente svincolati dal potere discrezione del richiedente, lo stesso non si può dire della percella del tecnico. Sotto quest’ultimo profilo, quindi, è possibile risparmiare.

Come? Semplice: individuando un tecnico che sia competente e allo stesso tempo economico. Il miglior modo per fare è contattare più tecnici, richiedere a ognuno di loro un preventivo e confrontare le offerte. Infine, scegliere il tecnico che, almeno all’apparenza, offre la soluzione migliore in termini di rapporto qualità prezzo.

 

 



Come funziona il servizio per confrontare preventivi gratuiti:

Chiedi un preventivo gratuito

Descrivi di cosa hai bisogno in meno di un minuto

Ricevi subito le offerte

Riceverai a tua scelta e velocemente fino ad un massimo di 4 preventivi gratuiti, senza impegno e da aziende della tua zona. Ricordati sempre che noi di Edilnet siamo attentissimi alla protezione dei tuoi dati, infatti saranno visibili solo alle aziende interessate che decideranno di proporti la loro offerta.

Valuta l'affidabilità e confronta i preventivi

Leggi le recensioni degli altri utenti, le referenze lasciate ai professionisti iscritti al portale, una volta fatta la tua richiesta e ricevuti i preventivi, potrai anche tu valutare i preventivi e la professionalita' ricevuta.

Fai una scelta consapevole risparmiando tempo e denaro

Potrai scegliere consapevolmente a chi affidarti se lo vorrai grazie ai feedback e grazie alle recensioni

Risparmi tempo perché saranno le aziende a contattarti

Risparmi denaro perché le aziende saranno in concorrenza fra loro

Leggi le altre domande

Ecco i nostri consigli su come scegliere un professionista

Ultime richieste dai clienti

Installare una canna fumaria per una stufa a pellet, con attraversamento tetto. Tutto il materiale è stato già acquistato presso Dreosso assieme alla stufa. Si tratta di un abitazione singola di 2 piani, circa 5,5 m l'altezza della linda da attraversare all'esterno, il tubo isolato salirà lungo la facciata all'esterno dell'abitazione. Il lavoro servirebbe eseguito entro il 1 novembre Fasc

Richiedo il noleggio di un ponteggio metallico.

Rifoderare il mio vecchio divano. Misure: 200 x 110. In materiale similpelle/ecopelle.

Ristrutturazione appartamento di 90 mq a Castellammare di Stabia. Da fare: - Demolizione e smaltimento cucina, bagno e balcone 15 mq. - Ricostruzione cucina e bagno. -Pitturazione mura appartamento 90 mq. - Impianto termoidraulico per l'appartamento. - Impianto elettrico certificato. - Impianto di climatizzazione per 3 camere. - Mattonelle corridoio. - Presa telefono più 3 prese per la t