Lucernari: quali i prezzi?

Preventivi Gratuiti per Realizzare un Lucernario

> È Gratis
> Risparmi tempo e denaro
> Trovi la migliore azienda ✔

Una guida dedicata ai prezzi di realizzazione dei lucernari.

I lucernari rappresentano una soluzione quasi obbligata per rendere vivibili mansarde e sottotetto. Tuttavia, occorre fare attenzione ad alcuni aspetti, non ultimi il costo di realizzazione e i permessi. Nell’articolo che segue offriremo dettagliate informazioni in merito e qualche consiglio per risparmiare senza compromettere il risultato finale.


 

Cosa è un lucernario?

 

Il lucernario, molto banalmente, è una tipologia di infisso. E’ forse la tipologia di infisso più antica, per quanto oggetto di rivisitazioni radicale nel corso dei secoli. Nello specifico, è l’infisso che si monta non sulle pareti (come accade per le finestre normali) ma nei tetti. Il suo scopo, almeno a un’analisi superficiale, è quella più ovvia: consentire l’areazione dei locali e l’accesso della luce solare.

Tuttavia, in virtù della sua posizione particolare, il lucernario assolve a uno scopo molto importante, ovvero rendere vivibili i locali a ridosso del tetto, immediatamente sottostanti. Il riferimento è ai sottotetti e alle mansarde.

Esistono svariate tipologie di lucernario, le quali si distinguono per meccanismo di apertura, materiali e dimensioni.

Quando si progetta l’apertura di un lucernario occorre compiere scelte in merito, ma anche porre l’attenzione su un aspetto cruciale: quello dei permessi.

Di tutto ciò daremo contezza nei prossimi paragrafi.

 

 

Costo Installazione Lucernari: Prezzi Medi
     
  Da A
Lucernario fisso (a mq) 90,00 € 250,00 €
Lucernario a bilico o a vasistas (a mq) 110,00 € 330,00 €
Lucernario panoramico (a mq) 150,00 € 755,00 €
Costo progetto lucernario 200,00 € 850,00 €
Costo manodopera installazione lucernario 60,00 € 300,00 €

 

I prezzi indicati rappresentano solo delle stime indicative: per conoscere i costi reali consigliamo di richiedere preventivi.

 

 

Perché installare un lucernario?

 

Lo abbiamo già accennato: il motivo principale per installare un lucernario consiste nella possibilità di rendere vivibile una mansarda o un sottotetto. Di norma, infatti, questi locali sono molto bassi e non consentono l’apertura di finestre parietali di dimensioni sufficienti a garantire la circolazione dell’aria e la luminosità. Il lucernario “interviene” a risolvere esattamente questi problemi: essendo installato sul tetto, non è soggetto a grandi vincoli per ciò che concerne le dimensioni.

Il lucernario garantisce vivibilità alle mansarde ai sottotetti anche perché in grado di espletare un’altra funzione: l’isolamento termo-acustico. D’altronde, si tratta di un infisso e in quanto tale capace di accogliere il calore dell’esterno e di non disperderlo. Ovviamente, il grado di isolamento dipende dal materiale e dalla fattura. Da prediligere, in questo senso, sono i lucernari in alluminio e il PVC, materiale scientificamente noto con il termine “polivinilcloruro”.

Il lucernario, oltre a ricoprire - come abbiamo visto - un ruolo importantissimo dal punto di vista funzionale, può giocare un ruolo di carattere più propriamente estetico. Soprattutto se il tetto è realizzato con le tegole, e quindi è spiovente, il lucernario può apparire come un elemento in grado di abbellire il prospetto dell’immobile.

 

 

Lucernari: tipologie e materiali

 

Come già anticipato, esistono svariate tipologie di lucernario. Il criterio di distinzione più importante riguarda il meccanismo di apertura e il materiale.

Per ciò che concerne i materiali, oltre all’immancabile vetro, si segnalano tre alternative, che poi sono le stesse che contraddistinguono tutte le tipologie di infissi:

 

  • Alluminio. I suoi pregi sono costituiti dalla capacità di resistere agli agenti atmosferici e alle scarse esigenze di manutenzione. Cede un po’ il passo sul fronte sul piano dell’isolamento termo-acustico.

 

  • PVC. Materiale poco costoso e in grado di offrire un ottimo livello di isolamento, sta soppiantando rapidamente l’alluminio.

 

  • Legno. E’ il materiale più valido esteticamente e anche quello in grado di offrire un buon livello di isolamento termoacustico. Tuttavia, non è molto impiegato nella realizzazione del lucernario in quanto soffre un po’ l’impatto degli agenti atmosferici.

 

Per ciò che concerne il meccanismo di apertura, si segnalano tre varianti.

 

  • Lucernario fisso. In questo caso il meccanismo di apertura è inesistente, in quanto le imposte non possono essere aperte. E’ una delle tipologie più comuni, soprattutto quando la mansarda non ha grosse esigenze di abitabilità.

 

  • Lucernario a bilico o a vasistas. E’ la tipologia più comune. L’apertura è simile a quella a battente. In alternativa, può svilupparsi nel senso inverso (in questo caso si parla di vasistas). Tale variante rappresenta il compromesso migliore tra praticità, luminosità e circolazione dell’aria.

 

  • Lucernario con finestra panoramica. E’ la tipologia più costosa ma anche la più fruibile. Di grandi dimensioni, le ante si aprono e si estendono sul tetto fino a costituire una superficie calpestabile.

 

 

Installazione lucernari: permessi e normativa

 

Se state pensando di installare un lucernario, dovreste in primo luogo occuparvi dei permessi. La questione non va presa sottogamba, anche perché si potrebbe violare la legge ed entrare in conflitto con i vicini, con tutto ciò che ne consegue in termini legali.

Prima di tutto, è bene fare una precisione. Per installare i lucernari sono necessari permessi? La risposta è sì, sempre. Infatti, intervenendo in tal senso si agisce su un elemento strutturale, quale è il tetto. Pertanto occorre richiedere e ottenere una SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività. La questione non è intuitiva né tantomeno scontata. Anche perché per tutti gli altri infissi è necessaria una semplice CILA (in quanto non gravano su strutture).

Ma non finisce qui. I titoli abilitativi non rappresentano l’unico aspetto su cui focalizzare l’attenzione. C’è anche l’eventuale regolamento condominiale da prendere in considerazione. Se la mansarda è inserita in un contesto condominiale, dovreste prima verificare che l’apertura del lucernario non entri in conflitto con il regolamento edilizio del condominio, e in ogni caso chiedere il permesso (scritto) agli altri condomini.

 

 

Installazione lucernari: quali i costi?

 

Quanto costa un lucernario? Ovviamente dipende dalla tipologia e dall’impresa edile, la quale ha ampio margine di discrezione per ciò che concerne la manodopera.

Infine, c’è una voce di spesa importante da considerare: quella del progettista, che in questo caso è necessario in quanto opera strutturale.

 

  • Lucernario fisso: da 90,00 € a 250,00 € al mq.
  • Lucernario a bilico o a vasistas: da 110,00 € a 330,00 € al mq.
  • Lucernario con finestra panoramica: da 150,00 € a 755,00 € al mq.
  • Costo progetto: da 200,00 € a 850,00 €.
  • Costo manodopera: da 60,00 € a 300,00 €.

 

 

Una mansarda con lucernario.

 

 

Installazione lucernari: a chi rivolgersi?

 

Quando si parla di installazione di lucernari, sono tre le figure coinvolte: il produttore dell’infisso, il progettista che redige il progetto e realizza le pratica comunali, l’impresa che materialmente installa il lucernario.

Spesso, è possibile “acquistare” un pacchetto completo. Ovvero, l’impresa offre sia il prodotto, sia il progetto, sia la manodopera. In alcuni casi, magari per risparmiare, ci si può muovere trattando le tre figure separatamente.

Il consiglio, un po’ per comodità un po’ per godere di maggiori garanzie di qualità, è di fare riferimento all’impresa edile non solo per la manodopera ma, come minimo, anche per la progettazione.

 

 

Lucernari: come risparmiare?

 

Cercare il massimo risparmio possibile è legittimo e utile, ma solo se al contempo si punta anche alla massima qualità possibile. Insomma, l’obiettivo dovrebbe essere un buon rapporto qualità prezzo. Come fare? Il consiglio è di brandire l’arma del preventivo.

Dunque contatatte più imprese, chiedete a ciascuna il preventivo, confrontate le ipotesi di costo così ottenute 8magari proprio con l'aiuto di Edilnet.it). Infine, individuate la soluzione che vi offre le migliori garanzie dal punto di vista del rapporto qualità prezzo.

Solo in questo potrete godere di un buon servizio e, allo stesso tempo, risparmiare cifre rilevanti, anche pari al 50% della spesa media.

 

 




Come funziona il servizio per confrontare preventivi gratuiti:

Chiedi un preventivo gratuito

Descrivi di cosa hai bisogno in meno di un minuto

Ricevi subito le offerte

Riceverai a tua scelta e velocemente fino ad un massimo di 4 preventivi gratuiti, senza impegno e da aziende della tua zona. Ricordati sempre che noi di Edilnet siamo attentissimi alla protezione dei tuoi dati, infatti saranno visibili solo alle aziende interessate che decideranno di proporti la loro offerta.

Valuta l'affidabilità e confronta i preventivi

Leggi le recensioni degli altri utenti, le referenze lasciate ai professionisti iscritti al portale, una volta fatta la tua richiesta e ricevuti i preventivi, potrai anche tu valutare i preventivi e la professionalita' ricevuta.

Fai una scelta consapevole risparmiando tempo e denaro

Potrai scegliere consapevolmente a chi affidarti se lo vorrai grazie ai feedback e grazie alle recensioni

Risparmi tempo perché saranno le aziende a contattarti

Risparmi denaro perché le aziende saranno in concorrenza fra loro

Leggi le altre domande

Ecco i nostri consigli sul Come scegliere un professionista

Ultime richieste dai clienti

Ripassare il tetto (inserire guaina sottocoppi) fare cappotto isolante, rifare gli infissi.

Devo fare il cappotto attorno alla casa di due piani ( almeno su due lati, quello a nord e quello a ovest che prende anche acqua piovana ), cambiare alcuni infissi e ristrutturare il garage. Vorrei usufruire del 110% nel quale rientro, naturalmente cedendo il bonus alla Ditta che esegue i lavori, se fosse possibile. Cordiali saluti.

Ieri mi sono state consegnate le chiavi di una casa nuova e vorrei fare dei lavori all'interno del superbonus La casa è sita a Guidonia Montecelio Ho bisogno sicuramente di fare gli infissi ed eventualmente cambiare la caldaia che va a gas e verificare la possibilità di mettere pannelli fotovoltaici. Se può cortesemente chiamarmi possiamo parlarne. Oggi 18 aprile ho ricontattato Edilnet chi

Oggi 18 aprile ho ricontattato Edilnet chiedendo di essere contattato il prima possibile per la Ristrutturazione della 2 casa dove non abbiamo il riscaldamento. La casa è costruita in pietra. Non possiamo usufruirne per il troppo freddo o troppo caldo. Bisogna anche rifare le finestre e il bagno. Volevo usufruire del bonus 110%.