Quanto costa un rilievo architettonico?

Preventivi Gratuiti per un Rilievo Architettonico

> È Gratis
> Risparmi tempo e denaro
> Trovi la migliore azienda ✔

Una guida che spiega cosa sia e quanto costa un rilievo architettonico.

Se intendete realizzare un intervento di ristrutturazione, se avete bisogno di una certificazione energetica o un attestato di conformità degli impianti, se dovete aggiornare la planimetria, non potete fare a meno di commissionare un rilievo architettonico. In questo articolo approfondiamo l’argomento, soprattutto dal punto di vista dei costi.


 

Rilievo architettonico: cosa è?

 

Con l’espressione rilievo architettonico si intende la raccolta di informazioni finalizzate a riprodurre graficamente un edificio ed, eventualmente, l’ambiente che lo circonda.

Il rilievo architettonico viene realizzato con le finalità più svariate. E’ utile, o necessario, quando si intendono effettuare interventi di ristrutturazione, soprattutto se coinvolgono parti strutturali. E’ necessario, ad esempio, per ottenere la certificazione energetica. Inoltre, è necessario per aggiornare i dati del catasto, nel caso in cui questi risultassero non conformi allo stato di fatto.

In base alle metodologie di raccolta dei dati, esistono più tipologie di rilievo architettonico. In genere, la divisione unanimemente accettata in ambito accademico è la seguente.

 

  • Rilievo architettonico diretto. In questo caso, la raccolta dei dati avviene “clinicamente”, ovvero mediante una misurazione manuale.

 

  • Rilievo architettonico fotogrammetrico. Nella fattispecie, la raccolta avviene sia clinicamente che per mezzo di specifiche strumentazioni, capaci di automatizzare parzialmente la procedura.

 

  • Rilievo architettonico con laser scanner 3D. Metodologia recente, consente di effettuare una scansione automatica ma precisa dell’edificio.

 

 

Costo rilievo architettonico: prezzi medi
     
  Da A
Rilievo architettonico diretto 240,00 € 600,00 €
Rilievo architettonico fotogrammetrico 275,00 € 750,00 €
Rilievo architettonico con laser scanner 3D 330,00 € 850,00 €

 

I prezzi indicati rappresentano unicamente delle stime indicative.

 

 

Rilievo architettonico: quando serve?

 

Le finalità del rilievo architettonico sono numerose. In linea di massima, lo si effettua ogni qualvolta è necessario possedere e utilizzare una rappresentazione grafica di un edificio e/o del suo ambiente circostante. In linea di massima, questa esigenza emerge nell’ambito di:

 

  • Interventi di ristrutturazione. Prima di intervenire sull’edificio, e anche dopo, è necessario produrre una rappresentazione fedele dello stesso. Nel primo caso, per definire il punto di partenza. Nel secondo caso, per inoltrare al catasto una versione aggiornata della planimetria (se non è necessario il Permesso di Costruire e quindi un’approvazione a monte).

 

  • Redazione di certificazioni. Per esempio, la certificazione energetica, la cosiddetta APE (Attestato di Prestazione Energetica) deve contenere una rappresentazione grafica dell’immobile aderente allo stato di fatto, a prescindere dalle informazioni presenti in catasto.

 

  • Pratiche catastali/edilizie. Per esempio, l’aggiornamento della planimetria catastale in caso di ristrutturazioni o, molto più banalmente, di errori e non conformità tra dati presenti in catasto e lo stato di fatto.

 

 

Rilievo architettonico: le tipologie

 

Come già anticipato, esistono almeno tre tipologie di rilievo architettonico. In questo paragrafo le descriviamo nel dettaglio.

 

Rilievo diretto. L’architetto, in questo caso, rileva “clinicamente” e manualmente misure, composizione e informazioni varie sull’edificio. E’ la tipologia più vecchia, l’unica possibile fino a quasi un secolo fa. E’ molto precisa ma allo stesso tempo, visto il mancato ausilio di strumenti automatizzanti, la più lunga e faticosa. In genere, quando le esigenze sono ridotte (es. sola APE) o l’edificio è piccolo, viene preferita alle altre tipologie.

 

Rilievo con laser scanner 3D. E’ una tipologia nata di recente (circa una ventina di anni fa). Si avvale di strumenti in grado di automatizzare quasi completamente il processo di misurazione e raccolta dati. Il riferimento è in particolare alle penne laser, ufficialmente note come distanziometri. Esse consentono di rappresentare le coordinate spaziali dei punti cardine di un edificio, in modo da facilitare il processo di rappresentazione grafica e calcolare le misure.

 

Rilievo fotogrammetrico. Tipologia nata a inizio del Ventesimo secolo, integra strumenti capaci di automatizzare almeno parzialmente il processo di rilevazione. Può essere considerata una via di mezzo tra la tipologia diretta e la tipologia con laser scanner 3D. Lo strumento principale del rilievo fotogrammetrico è comunque la fotografia stereoscopica, ovvero un insieme di scatti realizzati in sequenza e lungo specifiche direttrici, tali da restituire la tridimensionalità dell’oggetto rilevato.

 

 

Rilievo architettonico: come si fa?

 

Il rilievo architettonico è una pratica molto complicata, la cui efficacia non dipende solo dal possesso di nozioni e teorie procedurali, ma anche e soprattutto dall’esperienza. Ad ogni modo, il processo di rilevazione si è ormai cristallizzato in due fasi distinte.

 

  • Ripresa. E’ la raccolta dei dati vera e propria. Come si evince dal paragrafo precedente, può essere realizzata applicando tre tecniche distinte: quella diretta, quella fotogrammetrica e quella con laser scanner 3D (nota anche come “digitale”).

 

  • Restituzione. Questa fase è parecchio complessa in quanto consiste nell’impiego attivo dei dati, delle informazioni, delle misure. In breve, è l’attività di riproduzione grafica dell’edificio. Un tempo si realizzava praticamente a mano. Oggi, anzi da un bel po’ di decenni, questa fase si espleta mediante l’impiego di strumenti digitali, informatici, di programmazione. Tanto più la rilevazione è automatizzata, quanto più è semplice effettuare una buona restituzione.

 

 

Rilievo architettonico: quali i prezzi?

 

E’ difficile individuare un prezzo che vada bene per tutte le situazioni, anche perché:

 

  • In genere il rilievo architettonico è inserito all’interno di attività ancora più complesse, come la progettazione architettonica.

 

  • Le tipologie e le tecniche impiegate nella misurazione incidono fortemente sul prezzo.

 

  • Il prezzo potrebbe variare in base alle dimensioni dell’edificio o all’entità dell’opera per cui il rilievo è necessario (es. un intervento di ristrutturazione).

 

Ad ogni modo, ipotizzando un immobile di 100 metri quadri, possiamo proporre una panoramica.

 

  • Rilievo architettonico diretto: da 240,00 € a 600,00 €.
  • Rilievo architettonico fotogrammetrico: da 275,00 € a 750,00 €.
  • Rilievo architettonico con laser scanner 3D: da 330,00 € a 850,00 €.

 

 

Rilievo architettonico: a chi rivolgersi?

 

Ovviamente, il fai da te è impensabile, anche perché vietato dalla legge. Inoltre, sarebbe un compito troppo difficile da portare a termine, per un individuo che non ha effettuato uno specifico percorso di formazione.

Dunque, a chi rivolgersi? A dispetto del nome, l’architetto non è l’unico professionista abilitato alla rilievo architettonico. Possono effettuarlo, infatti, anche i geometri e gli ingegneri.

Ovviamente, un professionista non vale l’altro. E’ bene scegliere il meglio, almeno rispetto al budget a propria disposizione. E, come abbiamo visto, i prezzi non sono sempre irrisori.

Come scegliere? E’ bene fare uso di strumenti di comparazione, soprattutto lato economico. Per esempio, i portali di confronto preventivi. Il migliore su piazza è Edilnet.it.

 

Un esempio di rilievo architettonico di un edificio.

 

 

Rilievo architettonico: come risparmiare?

 

Se il vostro obiettivo è risparmiare senza scendere a (troppi) compromessi sotto il profilo della qualità, non potete rinunciare alla migliore arma tra quelle a disposizione del consumatore: i preventivi.

Il metodo da seguire è questo: contattate più professionisti, chiedete a ciascuno di loro il preventivo, confrontate le varie ipotesi di prezzo così ottenute. Infine, individuate il professionista che vi sembra possa offrire il miglior rapporto qualità-prezzo.

Chi segue questo metodo è capace di risparmiare tra il 20 e il 50% della spesa media. A patto di applicarsi con dedizione, pazienza e disciplina, e contattare il numero ideale di professionisti. Convenzionalmente, ne “servono” almeno quattro.

 

 




Come funziona il servizio per confrontare preventivi gratuiti:

Chiedi un preventivo gratuito

Descrivi di cosa hai bisogno in meno di un minuto

Ricevi subito le offerte

Riceverai a tua scelta e velocemente fino ad un massimo di 4 preventivi gratuiti, senza impegno e da aziende della tua zona. Ricordati sempre che noi di Edilnet siamo attentissimi alla protezione dei tuoi dati, infatti saranno visibili solo alle aziende interessate che decideranno di proporti la loro offerta.

Valuta l'affidabilità e confronta i preventivi

Leggi le recensioni degli altri utenti, le referenze lasciate ai professionisti iscritti al portale, una volta fatta la tua richiesta e ricevuti i preventivi, potrai anche tu valutare i preventivi e la professionalita' ricevuta.

Fai una scelta consapevole risparmiando tempo e denaro

Potrai scegliere consapevolmente a chi affidarti se lo vorrai grazie ai feedback e grazie alle recensioni

Risparmi tempo perché saranno le aziende a contattarti

Risparmi denaro perché le aziende saranno in concorrenza fra loro

Leggi le altre domande

Ecco i nostri consigli sul Come scegliere un professionista

Ultime richieste dai clienti

Devo fare le prove di carico del solaio in Arzano.

Calcolo cementi armati per villetta singola, interrato, piano terra e primo piano, 125 mq piano terra idem interrato, 55 mq 1 piano.

Mi occorre fare un collaudo statico di agibilità.

Devo nominare un professionista, ingegnere, da nominare per il collaudo statico finale per ampliamento di una casa indipendente di circa 40 mq al p.t. e circa 40 mq di sopraelevazione. La casa è situata a Collegno (TO).